Sempre attuale

Opportunità ed occupazione.

Occupazione per attuare progetti e progetti per creare occupazione sono i cardini sui quali ruota la libertà dei cittadini. La distinzion...

16 novembre 2017

Diade: Dottrine non scritte ...

... da un post di:



Ripercorro l'articolo proponendo la meditazione sui tre aspetti della condizione umana che, in sé, ha infuso il segreto del mondo che si svela quando la psiche ci sospende dalla realtà per un grave trauma. Appaiono visioni che  non prendono forme tali da poter essere rappresentate empiricamente. 

24 ottobre 2017

Appunti su "T.G. dell'impiego del Keynes"

APPUNTI SULLA
"TEORIA GENERALE DELL’IMPIEGO" del KEYNES
dalle lezioni del Prof. CANTARELLI*
Relazione tra domanda di lavoro e reddito nazionale.


Keynes studia la formazione del reddito e la sua distribuzione in tutta la collettività: cioè dal punto di vista macroscopico. In un certo periodo, il reddito è uguale al valore monetario di tutti i beni a disposizione della collettività. Tra reddito e occupazione corre una relazione che si esprime nel seguente grafico:


A = curva de previsione della
Rn domanda complessiva da parte dell'imprenditore.

B = curva di domanda effettiva di prodotti.

M = punto di equilibrio.

OP = occupazione effettiva.

PM = prodotti scambiati.



10 settembre 2017

Via il violetto dalla bandiera della pace!

Da qualche anno uso i colori digitali per accompagnarli nei diagrammi che sottolineano i miei scritti. Sin'ora non ho inteso di estrarre dai colori e dalla loro combinazione alcunché per dimostrare qualcosa, ma quasi sempre non ho avuto dubbi  nell'usarli per sottolineare un concetto. Coi colori, misurati secondo logica nelle loro componenti di rosso, arancione, giallo, verde, blu  e fucsia, si ottengono dei valori utili per istituire un metodo per fa funzionare regolarmente motore dell'intenzione nelle sue fasi tra la ragione e l'istinto.

04 settembre 2017

Popoli come fratelli

E' di questi giorni mettere in primo piano l'insieme delle iatture del nostro tempo che si concentrano in modo combinato sui fenomeni dell'occupazione, della migrazione e sulle dinamiche del reddito.
Qui scrivo una breve nota per rilevare che sui giornali di ieri non ho letto che il problema della povertà si risolve considerando il fatto che l'occupazione delle persone si raggiunge attraverso le sinergie tra i soggetti imprenditori, loro soci e collaboratori. 

Ho letto invece che occorre agire sulla forza lavoro per aumentare l'occupazione mantenendo sul mercato lavoratori funzionalmente impreparati e privi di conoscenze specialistiche che, senza rimedio continuano ad uscire dal circuito dell'economia.

09 agosto 2017

Goethe e il suo Cerchio colorato





L’immagine qui riprodotta è il Cerchio colorato per la “Simbolizzazione dello spirito umano e della vita delle anime” e ci mostra quanto Goethe fu capace di ragionare sull’insieme dei rapporti dei sentimenti umani e tra i sentimenti umani associati a colori e suoni, con l’armonia universale della natura di cui l’uomo stesso è parte.

02 agosto 2017

Cosa cambia (brevi note)

Il Cerchio colorato per la simbolizzazione dello spirito
umano e della vita delle anime, proposto da Goethe.
In queste note riduco a tre i cinque fattori di produzione, intendendosi per essi, cosa e quanto prodotto nel tempo dalla totalità degli atti umani indipendentemente dal fatto che siano scambiati, con o senza uso di moneta: 

  • Il capitale diventa “spazio – tempo” per rappresentare le risorse umane e materiali a disposizione; 
  • l’impresa e lo stato, si concentrano sulla “impresa” per rappresentare la creatività progettuale; 
  • il lavoro, diventa “occupazione” per significare il “fare” in senso generale.
Nella manifattura, lo spazio è l’area su cui giace l’insediamento agricolo, industriale, culturale e commerciale con le relative attrezzature.
Il tempo è il "potenziale efficiente della risorsa (naturale o umana) disponibile".
L’economia così riformulata nei suoi tre fattori di produzione fondamentali corrisponde a quella che si era formata già nei tempi mitici dell’umanità e rimasta tale sino all’era preindustriale, tra il XV-XVI secolo d.C.

05 luglio 2017

Dieci temi di discussione

I cambiamenti (follie) che per i più costituiscono complicazioni di vita, operano i loro effetti sulle ragioni di vita creando fratture nei rapporti generazionali. Sorgono nuove realtà alle quali i più anziani tentano di darsene ragione. I nuovi equilibri che si formano, disgregano i precedenti che per sopravvivere creano deviazioni al formarsi del nuovo paradigma esistenziale. Troppo spesso, forti contrasti vanno sedati sotto il dominio della violenza.

10 giugno 2017

Menenio e l’Efficacia delle Idee

Testo trovato nel Vaso di Pandora
I non ci si schioda ancora alla propaganda della sinistra che la considera, nel suo complesso come una costante dogmatica formata dagli otto false teorie elencate a pag 96. Viceversa, per il Soggetto politico, le variabili corrispondono ai soli bisogni strumentali di occupazione e salute in Colonna c - Tabella D. Ma oltre allo stabilire quali siano le variabili e quali le costanti occorre anche sottolineare che i guai, appena accennati sopra, sono sorti per effetto di idee balzane strombazzate col megafono della dialettica:
Anche sull’efficacia delle Idee, Pareto ha dato un colpo d’ala sulla traccia dei miti proposti a Georges Sorel[1] , teorico del sindacalismo rivoluzionario, che li ritiene essere constructions d’un avvenir indéterminé dans les temps.

21 maggio 2017

Nel ricordo di Paolo Farneti

A Ferrara, 1948, avevo sedici anni. Sulla scia del successo  che De Gasperi conseguì in quell'anno confrontandosi coi comunisti di Togliatti, sconsigliato da mio padre, decisi di iscrivermi alla DC e, al riguardo presentai domanda al Segretario della Sezione giovanile locale. Tra le felicitazioni e incoraggiamenti fui accolto e mi si disse che la richiesta sarebbe stata sottoposta al Consiglio qualche giorno dopo. 

16 maggio 2017

Torpedone 5

Finalmente si stabiliscono i numeri delle maggioranze e minoranze

Vincenzo Fano, in data 24 luglio 2015 ore 8:47 scrive sul Diario Fecebook: Un numero infinito di matematici entra in un bar e il barista chiede loro: "Cosa vi porto?". Il primo matematico risponde: "Io prendo un mezzo boccale di birra". Il secondo dichiara quindi. "Io ne prendo un quarto", il terzo: "Io un sedicesimo"... Il barista li interrompe, riempie un solo boccale di birra e dice: "Basta così ragazzi, conosco i vostri limiti".
Io penso che si possa osservare l'infinito, guardando in alto verso le stelle o attraverso la lente di uno strumento ottico; sulla nostra terra vediamo solo cose che, per definizione, sono in numero indefinito come i suoi abitanti tra 1 e 10 miliardi di persone o le sue formiche, di qualche trilione in più. Quindi i matematici, essendo persone, entreranno nel  bar in numero non infinito ma definibile e definito.